Home > Ordinamento delle letture della messa

Ordinamento delle letture della messa

Ordinamento delle letture della messa

n DECRETI

n CAPITOLO PRIMO
Principi generali per la celebrazione liturgica della Parola di Dio


Parte prima
LA PAROLA DI DIO NELLA CELEBRAZIONE DELLA MESSA

n CAPITOLO SECONDO
La celebrazione della liturgia della Parola nella messa

n CAPITOLO TERZO
Uffici e ministeri nella celebrazione della liturgia della Parola durante la messa


Parte seconda
STRUTTURA E ORDINAMENTO DELLE LETTURE DELLA MESSA

n CAPITOLO QUARTO
Ordinamento generale delle letture della messa

n CAPITOLO QUINTO
Descrizione dell'�Ordo lectionum missae�

n CAPITOLO SESTO
Adattamenti, versione e apparato dell'�Ordo lectionum missae�

SACRA CONGREGAZIONE
PER IL CULTO DIVINO

Prot. n. 106/69

DECRETO

L’elenco delle letture tratte dalla sacra Scrittura da usare nelle celebrazioni della Messa, a norma della Costituzione sulla sacra Liturgia, affinch� sia preparata per i fedeli con maggior abbondanza la mensa della parola di Dio, vengano aperti pi� largamente i tesori della Bibbia e, in un determinato numero di anni si leggano al popolo le parti pi� importanti della sacra Scrittura (SC, 51), � stato preparato dal Consiglio per l’applicazione della Costituzione sulla sacra Liturgia, e il Sommo Pontefice Paolo VI l’ha approvato con la Costituzione apostolica Missale Romanum del 3 aprile 1969.

Questa sacra Congregazione per il Culto Divino, per speciale mandato del Sommo Pontefice, ha perci� promulgato l’Ordo lectionum Missae, stabilendo che cominciasse ad andare in vigore dal 30 novembre di quest’anno 1969, prima domenica di Avvento. Nel prossimo anno liturgico si user� il ciclo B per le letture domenicali e il ciclo Il per la prima lettura delle ferie per annum.

Poich� nel presente Ordo, vengono date solo le indicazioni per le singole letture, si affida alla cura delle Conferenze Episcopali la preparazione dei testi per esteso nella lingua corrente, a norma dell’Istruzione sulle traduzioni in lingua moderna, pubblicata dal Consiglio per l’applicazione della Costituzione sulla sacra Liturgia il 25 gennaio 1969.

I testi in lingua moderna o si prendano da versioni della sacra Scrittura debitamente approvate e confermate dalla Sede Apostolica, o, se vengono fatte versioni nuove, queste siano presentate a questa sacra Congregazione per la conferma.

Nonostante qualunque cosa in contrario.

Dalla Sede della sacra Congregazione per il Culto Divino, 25 maggio 1969, domenica di Pentecoste.

A. Bugnini, Segretario

Benno Card. Gut, Prefetto

SACRA CONGREGAZIONE

PER I SACRAMENTI E IL CULTO DIVINO

Prot. CD 240/81

DECRETO

SECONDA EDIZIONE TIPICA

L’Ordo Lectionum Missae la cui prima stampa in edizione tipica risale all’anno 1969, venne promulgato il 25 maggio di quell’anno a norma della Costituzione sulla sacra Liturgia, su speciale mandato del Sommo Pontefice Paolo VI, al fine di offrire alle Conferenze Episcopali le indicazioni per le singole letture bibliche nella celebrazione della Messa, e ci� perch� si potessero poi preparare, nelle diverse regioni, i Lezionari in lingua parlata.

In quella edizione mancavano le indicazioni bibliche delle letture per le celebrazioni dei Sacramenti e per gli altri riti pubblicati dopo il maggio 1969. Inoltre, portata ormai a termine la Neo Volgata della sacra Bibbia, la Costituzione apostolica Scripturarum thesaurus, in data 25 aprile 1979, stabil� che per l’uso liturgico si deve d’ora innanzi considerare tipico il testo della Neo Volgata.

Esaurita pertanto la prima edizione tipica, si � ritenuto Opportuno preparare questa seconda, che ha, rispetto alla precedente, le seguenti particolarit�:

1.������������� � stato ampliato il testo dei �Principi generali�.

2.������������� A norma della Costituzione apostolica Scripturarum thesaurus, nel riportare i testi biblici � stata usata la Neo Volgata della sacra Bibbia.

3.������������� Sono state inserite tutte le indicazioni bibliche contenute

nei Lezionari dei riti dei Sacramenti e dei sacramentali, pubblicati dopo la prima edizione dell’�Ordo lectionum Missae�.

4.������������� Sono state anche aggiunte le indicazioni bibliche per le letture in alcune Messe �per varie necessit�, come anche per le letture nelle altre Messe inserite per la prima volta nella seconda edizione del Messale Romano nel 1975.

5.������������� Per quanto riguarda le celebrazioni della santa Famiglia, del Battesimo del Signore, dell’Ascensione e della Pentecoste sono state aggiunte indicazioni di letture �ad libitum�, in modo che risultasse completo, anche per queste celebrazioni, il quadro dei testi biblici, cos� come sono distribuiti nei cicli A, B, C del lezionario festivo.

Il Sommo Pontefice Giovanni Paolo II ha approvato con la sua autorit� questa seconda edizione dell’Ordo lectionum Missae, che la sacra Congregazione per i Sacramenti e il Culto Divino ora promulga e dichiara tipica.

Sar� compito delle Conferenze Episcopali riportare le varianti di questa seconda edizione nelle rispettive edizioni in lingua parlata.

Nonostante qualunque cosa in contrario.

Dalla sede della sacra Congregazione per i Sacramenti e il Culto Divino, 21 gennaio 1981.

Virgilio No�, Segretario aggiunto

James R. Card. Knox, Prefetto

ORDINAMENTO

DELLE LETTURE DELLA MESSA

Introduzione

PROEMIO

Capitolo I

PRINCIPI GENERALI

PER LA CELEBRAZIONE LITURGICA

DELLA PAROLA DI DIO

1.������������� Alcune premesse

A.������������� IMPORTANZA DELLA PAROLA DI DIO NELLA CELEBRAZIONE LITURGICA

1. Sull’importanza della parola di Dio, come anche sul rinnovato impiego della sacra Scrittura nella celebrazione liturgica, molte ed egregie cose sono state dette sia nel Concilio Vaticano II[1][1], sia nel magistero dei Sommi Pontefici[2][2], sia nei vari documenti pubblicati dopo il Concilio dai Dicasteri della Santa Sede[3][3]. Alcuni principi di maggiore importanza sono stati inoltre opportunamente ricordati e brevemente illustrati nelle �Premesse� dell’�Ordo lectionum Missae�, pubblicato nel 1969[4][4].

Poich� per�, in occasione della nuova edizione dell’�Ordo lectionum Missae�, si richiedeva da varie parti che di questi prin­cipi si facesse una trattazione pi� esauriente, � stata preparata questa redazione pi� ampia e insieme pi� armonizzata delle Premesse; in essa, dopo aver presentato in linea generale la relazione fra la parola di Dio e l’azione liturgica[5][5], si tratter� pi� particolarmente della parola di Dio nella celebrazione della Messa, per poi esporre in concreto la speciale struttura dell’�Ordo lectionum Missae�.

B.������������� I TERMINI USATI PER INDICARE LA PAROLA DI DIO

2. Sebbene in un argomento come questo si esiga a buon diritto una terminologia precisa, in modo che il discorso sia chiaro e senza intoppi, tuttavia in queste premesse ci serviremo delle espressioni in uso nei documenti pubblicati durante il Concilio e il dopo-Concilio; per i libri scritti sotto l’ispirazione dello Spirito Santo, useremo i termini sia di �sacra Scrittura�, sia di �parola di Dio�, cercando cos� di evitare ogni confusione di vocaboli e di contenuti[6][6].

C.������������� IL SIGNIFICATO LITURGICO DELLA PAROLA DI DIO

3.������������� I molteplici tesori dell’unica parola di Dio si manifestano mirabilmente nelle varie celebrazioni, come anche nelle diverse assemblee di fedeli che ad esse partecipano, sia quando si rievoca nel suo ciclo annuale il mistero di Cristo, sia quando si celebrano i Sacramenti e i sacramentali della Chiesa, sia quando i singoli fedeli rispondono all’intima azione dello Spirito Santo[7][7]. Allora infatti la stessa celebrazione liturgica, che poggia fondamentalmente sulla parola di Dio e da essa prende forza, diventa un nuovo evento e arricchisce la parola stessa di una nuova efficace interpretazione. Cos� la Chiesa segue fedelmente nella liturgia quel modo di leggere e di interpretare le sacre Scritture, a cui ricorse Cristo stesso, che a partire dall’�oggi� del suo evento esorta a scrutare tutte le Scritture[8][8].

2.������������� La celebrazione liturgica della parola di Dio

A.������������� CARATTERISTICHE DELLA PAROLA DI DIO NELL’AZIONE LITURGICA

4.������������� La parola di Dio vien pronunziata nella celebrazione liturgica[9][9] non soltanto in un solo modo, n� raggiunge con la medesima efficacia il cuore dei fedeli: sempre per� nella sua parola � presente il Cristo[10][10], che attuando il suo mistero di salvezza, santifica gli uomini e rende al Padre un culto perfetto[11][11]. Anzi, l’economia e il dono della salvezza, che la parola di Dio continuamente richiama e comunica, proprio nell’azione liturgica raggiunge la pienezza del suo significato; cos� la celebrazione liturgica diventa una continua, piena ed efficace proclamazione della parola di Dio. Pertanto la parola di Dio, costantemente annunziata nella liturgia, � sempre viva ed efficace[12][12] per la potenza dello Spirito Santo, e manifesta quell’amore operante del Padre che giammai cessa di operare verso tutti gli uomini.

B.������������� LA PAROLA DI DIO NELL’ECONOMIA DELLA SALVEZZA

5.������������� La Chiesa annunzia l’unico e identico mistero di Cristo ogni qual volta nella celebrazione liturgica proclama sia l’Antico che il Nuovo Testamento.

Nell’Antico Testamento � adombrato il Nuovo, e nel Nuovo si disvela l’Antico[13][13]. Di tutta la Scrittura, come di tutta la celebrazione liturgica, Cristo � il centro e la pienezza[14][14]: e quindi necessario che alle sorgenti della Scrittura attingano quanti cercano la salvezza e la vita.

Quanto pi� si penetra nel vivo della celebrazione liturgica, tanto pi� si avverte anche l’importanza della parola di Dio; ci� che si dice della prima, si pu� affermare anche della seconda, perch� l’una e l’altra rievocano il mistero di Cristo e l’una e l’altra nel modo loro proprio lo perpetuano.

C.������������� LA PAROLA DI DIO NELLA PARTECIPAZIONE LITURGICA DEI FEDELI

6.������������� Nell’azione liturgica la Chiesa risponde fedelmente quello stesso �Amen� che Cristo, mediatore fra Dio e gli uomini, pronunzi� una volta sola, per tutti i tempi, con l’effusione del suo sangue, per dare sanzione divina alla nuova alleanza nello Spirito Santo[15][15]. Quando pertanto Dio rivolge la sua parola, sempre aspetta una risposta, la quale � un ascolto e un’adorazione in �Spirito e verit� (Gv 4,23). � infatti lo Spirito Santo che rende efficace la risposta, in modo che ci� che si ascolta nell’azione liturgica si attui poi anche nella vita, secondo quel detto: �siate di quelli che mettono in pratica la parola e non soltanto ascoltatori� (Gc 1,22).

L’atteggiamento del corpo, i gesti e le parole con cui si esprime l’azione liturgica e si manifesta la partecipazione dei fedeli, ricevono il loro significato non solo dall’esperienza umana donde tali forme son tratte, ma dalla parola di Dio e dall’economia della salvezza alla quale sono riferite; tanto pi� viva, quindi, � la partecipazione dei fedeli all’azione liturgica, quanto pi� profondamente nell’ascolto della parola di Dio in essa proclamata, i fedeli stessi si sforzano di aderire al �Verbo di Dio� incarnato nel Cristo, impegnandosi ad attuare nella loro vita ci� che hanno celebrato nella liturgia e di rincontro, a trasfondere nella celebrazione liturgica il loro comportamento quotidiano[16][16].

3.������������� La parola di Dio nella vita del popolo dell’alleanza

A. LA PAROLA DI DIO NELLA VITA DELLA CHIESA

7.������������� Nell’ascolto della parola di Dio si edifica e cresce la Chiesa, e i fatti mirabili che un tempo e in molti modi Dio ha compiuti nella storia della salvezza, vengono in mistica verit� ripresentati nei segni della celebrazione liturgica; a sua volta, Dio si serve della stessa assemblea dei fedeli, che celebrano la liturgia, perch� la sua parola si diffonda e sia glorificata e venga esaltato tra i popoli il suo nome[17][17].

Ogni volta pertanto che la Chiesa, riunita dallo Spirito Santo nella celebrazione liturgica[18][18], annunzia e proclama la parola di Dio, sa di essere il nuovo popolo, nel quale l’alleanza, sancita negli antichi tempi, diventa finalmente piena e completa. A loro volta tutti i fedeli, che in forza del Battesimo e della Cresima, son divenuti nello Spirito annunziatori della parola di Dio, una volta ricevuta la grazia di ascoltare questa parola, devono farsene annunziatori nella Chiesa e nel mondo, almeno con la testimonianza della loro vita.

La stessa parola di Dio, proclamata nella celebrazione dei divini misteri, non si riferisce soltanto alla presente situazione che stiamo vivendo, ma rievoca il passato e fa intravedere il futuro, ravvivandone in noi il desiderio e la speranza, perch� tra il vario fluire delle umane vicende, l� siano fissi i nostri cuori, dov’� la vera gioia[19][19].

B.������������� LA PAROLA DI DIO NELL’ESPOSIZIONE CHE NE FA LA CHIESA

8. Poich� per volont� di Cristo stesso il nuovo popolo di Dio � distinto nella mirabile variet� dei suoi membri, cos� anche diversi sono i compiti e gli uffici che spettano a ciascuno riguardo alla parola di Dio: ai fedeli spetta l’ascoltarla e il meditarla; l’esporla invece spetta soltanto a coloro che in forza della sacra ordinazione hanno il compito magisteriale, o a coloro ai quali viene affidato l’esercizio di questo ministero.

Cos� nella dottrina, nella vita e nel culto la Chiesa perpetua e trasmette a tutte le generazioni tutto ci� che essa stessa � e tutto ci� che crede, cos� da tendere incessantemente, nel volgere dei secoli, alla pienezza della verit� divina, finch� si compia in essa la parola di Dio[20][20].

C. RELAZIONE TRA LA PAROLA DI DIO PROCLAMATA E L’AZIONE DELLO SPIRITO SANTO

9.������������� Perch� la parola di Dio operi davvero nei cuori ci� che fa risonare negli orecchi, si richiede l’azione dello Spirito Santo; sotto la sua ispirazione e con il suo aiuto la parola di Dio diventa fondamento dell’azione liturgica, e norma e sostegno di tutta la vita.

L’azione dello stesso Spirito Santo non solo previene, accompagna e prosegue tutta l’azione liturgica, ma a ciascuno suggerisce nel cuore[21][21] tutto ci� che nella proclamazione della parola di Dio vien detto per l’intera assemblea dei fedeli, e mentre rinsalda l’unit� di tutti, favorisce anche la diversit� dei carismi e ne valorizza la molteplice azione.

D. L’INTIMO NESSO DELLA PAROLA DI DIO CON IL MISTERO EUCARISTICO

10. Alla parola di Dio e al mistero eucaristico la Chiesa ha tri­butato e sempre e dappertutto ha voluto e stabilito che si tributasse la stessa venerazione, anche se non lo stesso culto; mossa dall’esempio del suo fondatore, essa non ha mai cessato di celebrare il mistero pasquale, riunendosi insieme per leggere �in tutte le Scritture ci� che a lui si riferiva� (Lc 24,27), e attualizzare, con il memoriale del Signore e i Sacramenti, l’opera della salvezza. t infatti �necessaria la predicazione del­la parola per lo stesso ministero dei Sacramenti, trattandosi di sacramenti della fede, la quale nasce e si alimenta con la parola�[22][22].

Nutrita spiritualmente all’una e all’altra mensa[23][23], la Chiesa da una parte si arricchisce nella dottrina e dall’altra si rafforza nella santit�. Nella parola di Dio si annunzia la divina alleanza, mentre nell’Eucaristia si ripropone l’alleanza stessa, nuova ed eterna. L� la storia della salvezza viene rievocata nel suono delle parole, qui la stessa storia viene ripresentata nei segni sacramentali della liturgia. Si deve quindi sempre tener presente che la parola di Dio, dalla Chiesa letta e annunziata nella liturgia, porta in qualche modo, come al suo stesso fine, al sacrificio dell’alleanza e al convito della grazia, cio� all’Eucaristia. Pertanto la celebrazione della Messa, nella quale si ascolta la parola e si offre e si riceve l’Eucaristia, costituisce un unico atto del culto divino[24][24], con il quale si offre a Dio il sacrificio di lode e si comunica all’uomo la pienezza della redenzione.

1

Cf specialmente SC 7,24,33,35,48, 51, 52, 56; DV 1,21,25,26; AG 6; PO 18.

2

Cf fra le cose dette a voce o scritte dai Sommi Pontefici, specialmente: MQ n. V; MC 12; EN 28, 43, 47; GIOVANNI PAOLO II, Cost. ap. Scripturorum thesau­rus, 25 apr. 1979; EV VI, 1329; CT 23, 27; DC 10.

3

Cf, p. es., EM 10; LI 2; DCG 14, 25; IGMR9, 11,24,33,60,62,316,320 (v. pp. 127, 128, 131, 144, 193, 195); 5. CONGR. PER L’ISTITUZIONE CATTOLICA, Istr. In ecclesiosticam fururorurn sull’insegnamento liturgico nei seminari, 3 giu. 1979, nn. 11, 52, Appendice, n. 15: EV VI, 1563, 1642; ID 1-3.

4

Cf Messale Romano riformato a norma dei decreti del Concilio Ecumenico Vaticano l� e promulgato da Paolo VI, Ordinamento delle Lettore della Messa, 1a ed. tip. 1969, pp. IX-XII, �Premesse�; Decreto di promulgazione: EV III, 1173.

5

Cf SC 35, 36, 56; EN 28, 47; DC 10, 11, 12.

6

Cos� p. es. �Parola di Dio, sacra Scrittura, Vecchio e Nuovo Testamento, Lettura (Letture) della parola di Dio, Lettura (Letture) della sacra Scrittura, Celebrazione (Celebrazioni) della parola di Dio, ecc.�.

7

Pertanto un solo e identico testo si pu� leggere e usare sotto diversi aspetti, e anche in diverse occasioni e celebrazioni dell’anno liturgico. Cosa da tener­si presente nell’omelia, nell’esegesi pastorale e nella catechesi. Dagli indici dell’Ordinamento delle Letture dello Messa risulta a tutti evidente l’uso varia­to, per esempio, di Rm 6 e Rm 8 nei diversi tempi dell’anno liturgico e nelle diverse celebrazioni dei Sacramenti e dei sacramentali.

8

Cf Lc 4, 16-21; 24,25-35, 44-49.

9

������������� Cos� p. es. �Proclamazione o Lettura� ecc. nella celebrazione della Messa (cf IGMR 21,23,95, 131, 146,234,235;v. pp. 130, 131, 151, 156, 159, 173, 174); cos� anche le celebrazioni della parola di Dio nel Pontificale, nel Ritua­le Romano e nella Liturgia delle Ore riformati a norma dei decreti del Conci­lio Ecumenico Vaticano II.

10

Cf SC 7, 33; Mc 16, 19-20; Mt 28,20; S. Agostino, Sermo 85, 1: PL 38, 520: �La bocca di Cristo � l’Evangelo. Regna in cielo, ma non cessa di parlare sul­la terra�; (cf anche In Io. Ev. Tract. XXX, I: PL 35, 1632) e dal Pontificale ro­mano germanico: �Si legge il Vangelo nel quale Cristo parla al popolo..., per far risuonare il Vangelo nella Chiesa, come se Cristo stesso parlasse al popo­lo� (cf V. VOGEL-R. ELZE, ed., Le Pontifical romano-germanique do dixi�me si�cle. Le Texte, I, Citt� del Vaticano 1963, XCIV, 18, p. 334); �Quando arri­va il Cristo, cio� il Vangelo, lasciamo il pastorale, poich� non abbiamo biso­gno di appoggio umano� (ibid. XCIV, 23, p. 335).

11

Cf SC 7.

12

Cf Eb 4,12.

13

Cf S. AGOSTINO, Quaestionum in Heptateuchum liber, 2, 73: PL 34, 623; DV 16.

14

Cf S. GIROLAMO: �Se infatti secondo l’apostolo Paolo, Cristo � potenza di Dio e sapienza di Dio (1 Cor 1,24) anche chi non conosce le Scritture, non conosce la potenza di Dio e la sua sapienza. L’ignoranza delle Scritture infat­ti � ignoranza di Cristo� (Commentarii in Isaiam prophetam. Prologus: PL 24, 17A); DV 25.

15

������������� Cf 2Cor 1,20-22.

16

Cf SC 10.

17

Cf 2Ts 3,1.

18

Cf Collette per la Chiesa, in Messale Romano, ed. tip. 1970, pp. 786, 787, 790; ed. tip. it. 1973, pp. 673-676; S. CIPRIANO, De oratione dominica 23: PL 4, 553; S. AGOSTINO, Sermo 71, 20, 33: PL 38, 463s.

19

Cf Colletta della domenica XXI del Tempo Ordinario, in Messale Romano, cit., p. 360; ed. tip. it. p. 269.

20

Cf DV 8.

21

Cf Gv 14, 15-17.25-26; 15,26-16, 15.

22

PO 4.

23

Cf SC 51; PO 18; e anche DV 21; AG 6; IGMR 8.

24

SC 56

Parte Prima

LA PAROLA DI DIO NELLA

CELEBRAZIONE DELLA MESSA

Capitolo II

LA CELEBRAZIONE
DELLA LITURGIA DELLA PAROLA
NELLA MESSA

1.������������� Elementi della Liturgia della Parola e riti rispettivi

11.������������� �La parte principale della Liturgia della Parola � costituita dalle letture desunte dalla sacra Scrittura, con i canti che le accompagnano; l’omelia, la professione di fede e la preghiera universale o dei fedeli la sviluppano e la concludono�25.

A.������������� LE LETTURE BIBLICHE

12.������������� Nella celebrazione della Messa le letture bibliche, con i canti desunti dalla sacra Scrittura, non si possono n� tralasciare, n� ridurre, n� — il che sarebbe cosa pi� grave — sostituire con letture non bibliche 26. Con la sua parola trasmessa per iscritto, �Dio parla ancora al suo popolo� 27, e con l’assiduo ricorso alla sacra Scrittura, il popolo di Dio, con la luce della fede reso docile all’azione dello Spirito Santo, potr� dare, con la sua vita, testimonianza a Cristo dinanzi al mondo.

13.������������� La lettura del Vangelo costituisce il culmine della stessa Liturgia della Parola; all’ascolto del Vangelo l’assemblea vien preparata dalle altre letture, proclamate nel loro ordine tradizionale, prima cio� quelle dell’Antico Testamento e poi quelle del Nuovo.

14.������������� Lo stesso modo con cui le letture vengono proclamate dai lettori – una proclamazione dignitosa, a voce alta e chiara – favorisce una buona trasmissione della parola di Dio all’assemblea. Le letture, desunte dalle edizioni approvate 28, si possono anche cantare secondo l’indole delle varie lingue, a condizione per� che il canto non soffochi le parole, ma le ponga anzi nel dovuto risalto. Nel caso che la proclamazione si faccia in lingua latina, ci si attenga alla modulazione indicata nell’�Ordo cantus Missae� 29.

15.������������� Nella Liturgia della Parola si possono premettere alle letture, e specialmente alla prima di esse, delle brevi e opportune monizioni. Si deve porre attenzione al genere letterario di queste monizioni: devono essere semplici, fedeli al testo, brevi, ben preparate e variamente intonate al testo a cui devono servire come introduzione 30.

16.������������� Nella celebrazione della Messa col popolo le letture si devono sempre proclamare dall’ambone 31.

17.������������� Tra i riti della Liturgia della Parola si deve tener presente la venerazione dovuta alla lettura del Vangelo 32. Dove � a disposizione l’Evangeliario, portato processionalmente dal diacono o dal lettore durante i riti iniziali 33, � molto opportuno che il diacono o, in sua mancanza, un presbitero, prenda l’Evangeliario stesso dall’altare 34, e preceduto dai ministranti con ceri e incenso o, se l’uso lo comporta, con altri segni di venerazione, lo porti all’ambone. I fedeli stanno in piedi, acclamano il Signore e fanno atto di venerazione al libro dei Vangeli. Il diacono che deve proclamare il Vangelo, inchinandosi dinanzi a colui che presiede la celebrazione, chiede e riceve la benedizione. Se non c’� il diacono, il presbitero s’inchina dinanzi all’altare e prega sottovoce, dicendo: �Purifica il mio cuore (Munda cor meum)�35.

All’ambone, colui che proclama il Vangelo saluta il popolo che ascolta in piedi, annunzia il titolo della lettura e si segna sulla fronte, sulla bocca e sul petto, quindi, se si usa l’incenso, incensa il libro, poi proclama il Vangelo. Al termine, bacia il libro, dicendo sottovoce le parole prescritte.

Il saluto, l’annunzio iniziale: �Dal Vangelo... (Lectio sancti Evangelii...)� e quello finale �Parola del Signore (Verbum Domini)� conviene proferirli in canto, in modo che l’assemblea possa a sua volta acclamare in canto, anche se il Vangelo viene soltanto letto. In questo modo si sottolinea l’importanza della lettura del Vangelo e si ravviva la fede dei presenti.

18.������������� Al termine delle letture, la conclusione �Parola di Dio (Parola del Signore)� pu� venir cantata anche da un cantore diverso dal lettore che ha proclamato la lettura; tutti i presenti acclamano. In questo modo l’assemblea riunita rende onore alla parola di Dio, ascoltata con fede e in spirito di rendimento di grazie.

B.������������� IL SALMO RESPONSORIALE

19.������������� Il salmo responsoriale, chiamato anche graduale, essendo �parte integrante della Liturgia della Parola� 36 ha grande importanza liturgica e pastorale. Si devono pertanto istruire con cura i fedeli sul modo di accogliere la parola che Dio rivolge loro nei salmi e di volgere i salmi stessi in preghiera della Chiesa. Senza dubbio questo �avverr� pi� facilmente se sar� promossa tra il clero ed estesa con opportuna catechesi a tutti i fedeli una pi� approfondita conoscenza dei salmi nel significato che assumono quando sono cantati nella liturgia�37.

Potranno recare un certo aiuto brevi monizioni che illustrino la scelta del salmo e del ritornello e la loro concordanza tematica con le letture.

20.������������� Il salmo responsoriale di norma si eseguisca in canto. Ci sono due modi di cantare il salmo dopo la prima lettura: il modo responsoriale e il modo diretto. Il modo responsoriale che � quello, sempre che sia possibile, da preferirsi, allorch� il salmista o il cantore del salmo ne pronunzia i versetti, e tutta l’assemblea partecipa col ritornello. Il modo diretto, allorch� il solo salmista o il solo cantore canta il salmo e l’assemblea si limita ad ascoltare, senza intervenire col ritornello; o anche allorch� il salmo vien cantato da tutti quanti insieme.

21. Il canto del salmo o anche del solo ritornello � un mezzo assai efficace per approfondire il senso spirituale del salmo stesso e favorirne la meditazione.

In ogni singola cultura si devono usare tutti quei mezzi che possano incoraggiare il canto dell’assemblea, ivi compreso, in modo particolare, l’uso delle facolt� previste a questo scopo nell’�Ordo lectionum Missae� 38 circa i ritornelli da usare nei vari tempi liturgici.

22. Se il salmo che ricorre dopo la lettura non viene cantato, lo si reciti nel modo ritenuto pi� adatto per la meditazione della parola di Dio 39.

Per il canto o la recita del salmo responsoriale il salmista o il cantore stanno all’ambone 40.

C.������������� L’ACCLAMAZIONE PRIMA DELLA LETTURA DEL VANGELO

23. Anche l’�alleluia� o, secondo il tempo liturgico, il versetto prima del Vangelo, costituisce �un rito o un atto a s� stante� 41, col quale l’assemblea dei fedeli accoglie e saluta il Signore che sta per rivolgere ad essa la sua parola, ed esprime col canto la sua fede. Al canto dell’�alleluia� e del versetto prima del Vangelo tutti devono stare in piedi, in modo che non il solo cantore o il coro che lo intona, ma tutto il popolo unisca nel canto le sue voci 42.

D.������������� L’OMELIA

24. Particolarmente raccomandata come parte della Liturgia della Parola 43, a partire specialmente dalla Costituzione liturgica del Concilio Vaticano II, anzi in alcuni casi espressamente

prescritta � l’omelia, con la quale nel corso dell’anno liturgico vengono esposti, in base al testo sacro, i misteri della fede e le norme della vita cristiana.

Tenuta, di norma, da colui che presiede 44 l’omelia nella celebrazione della Messa ha lo scopo di far s� che la proclamazione della parola di Dio diventi, insieme con la liturgia eucaristica, �quasi un annunzio delle mirabili opere di Dio nella storia della salvezza, ossia nel mistero di Cristo�45. Infatti il mistero pasquale di Cristo, che viene annunziato nelle letture e nell’omelia, viene attualizzato per mezzo del sacrificio della Messa 46. Sempre poi Cristo � presente e agisce nella predicazione della sua Chiesa 47.

Pertanto l’omelia, sia che spieghi la parola di Dio annunziata nella sacra Scrittura o un altro testo liturgico 48, deve guidare la comunit� dei fedeli a partecipare attivamente all’Eucaristia, perch� �esprimano nella vita ci� che hanno ricevuto mediante la fede�49. Con questa viva esposizione la proclamazione della parola di Dio e le celebrazioni della Chiesa possono ottenere una maggiore efficacia a patto che l’omelia sia davvero frutto di meditazione, ben preparata, non troppo lunga n� troppo breve, e che in essa ci si sappia rivolgere a tutti i presenti, compresi i fanciulli e la gente semplice 50.

Nella concelebrazione, l’omelia � tenuta di norma dal celebrante principale o da uno dei concelebranti 51.

25. Nei giorni prescritti, e cio� nelle domeniche e feste di precetto, anche nelle Messe vespertine del giorno precedente, l’omelia � obbligatoria: non la si pu� omettere se non per causa grave in tutte le Messe che si celebrano con concorso di popolo 52. Anche nelle Messe con i fanciulli e con gruppi particolari si deve tener l’omelia 53.

L’omelia � molto raccomandata nelle ferie di Avvento di Quaresima e del tempo pasquale per i fedeli che regolarmente partecipano alla celebrazione della Messa; cos� pure in altre feste e circostanze nelle quali il popolo accorre pi� numeroso alla chiesa 54.

26. Il sacerdote celebrante tiene l’omelia alla sede, in piedi o seduto, o anche all’ambone55.

27.������������� Dall’omelia si devono naturalmente tener distinti quegli eventuali brevi avvisi al popo�o, il cui posto � al termine dell’orazione dopo la comunione56.

E.������������� IL SILENZIO

28. La Liturgia della Parola si deve celebrare in modo che essa favorisca la meditazione; si deve perci� evitare assolutamente ogni fretta che sia di ostacolo al raccoglimento. Il dialogo tra Dio e gli uomini, sotto l’azione dello Spirito Santo, richiede brevi momenti di silenzio, adatti all’assemblea, durante i quali la parola di Dio penetri nei cuori e provochi in essi una risposta nella preghiera. Tali momenti di silenzio in relazione con la Liturgia della Parola si possono opportunamente osservare prima che essa abbia inizio, dopo la prima e la seconda lettura e al termine dell’omelia57.

F.������������� LA PROFESSIONE DI FEDE

29.������������� Il Simbolo o professione di fede, da dirsi secondo le rubriche, nella celebrazione della Messa ha lo scopo di suscitare nell’assemblea riunita una risposta di assenso alla parola di Dio ascoltata nelle letture e nell’omelia, e di richiamare alla mente la �regola della fede�, nella forma approvata dalla Chiesa, prima di dare inizio alla celebrazione del mistero della fede nell’Eucaristia58.

G.������������� LA PREGHIERA UNIVERSALE O PREGHIERA DEI FEDELI

30. Nella preghiera universale l’assemblea dei fedeli, alla luce della parola di Dio, alla quale in un certo modo risponde, prega di norma per le necessit� di tutta la Chiesa e della comunit� locale, per la salvezza di tutto il mondo, per coloro che si trovano in difficolt� di vario genere e per determinati gruppi di persone.

Sotto la guida dello stesso celebrante, il diacono o un ministro o anche alcuni fedeli propongono opportunamente all’assemblea brevi intenzioni, liberamente e accuratamente preparate, con le quali �il popolo, esercitando la sua funzione sacerdotale, prega per tutti gli uomini�59, in modo che, dopo aver portato in se stesso a maturazione i frutti della Liturgia della Parola, possa passare a una pi� degna celebrazione della liturgia eucaristica.

31. La preghiera universale vien diretta dal celebrante alla sede; le intenzioni sono proposte dall’ambone60.

L’assemblea, in piedi, partecipa alla preghiera dicendo o cantando, dopo le intenzioni, un’invocazione comune, o anche sostando in preghiera silenziosa61.

2.������������� Cose richieste per una degna celebrazione della Liturgia della Parola

A.������������� IL LUOGO PER LA PROCLAMAZIONE DELLA PAROLA DI DIO

32. Nell’ambiente della chiesa deve esserci un luogo elevato, stabile, ben curato e opportunamente decoroso, che risponda insieme alla dignit� della parola di Dio, suggerisca chiaramente ai fedeli che nella Messa vien preparata la mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo62, e infine sia adatto il meglio possibile a facilitare l’ascolto e l’attenzione dei fedeli durante la Liturgia della Parola. Si deve pertanto far s� che, secondo la struttura di ogni singola chiesa, l’ambone si armonizzi architettonicamente e spazialmente con l’altare.

33.������������� L’ambone, tenuta presente la sua struttura, venga sobria-mente ornato in modo stabile o in determinate occasioni, specialmente nei giorni solenni.

Poich� l’ambone � il luogo dal quale viene proclamata dai ministri la parola di Dio, deve essere riservato, per sua natura, alle letture, al salmo responsoriale e al preconio pasquale. Si possono tuttavia proferire dall’ambone l’omelia e la preghiera dei fedeli, data la strettissima relazione di queste parti con tutta la Liturgia della Parola. � invece meno opportuno che salgano all’ambone altre persone, per esempio il commentatore, il cantore o l’animatore del canto63

34. Perch� l’ambone possa servire in modo adeguato alle celebrazioni, abbia una certa ampiezza, giacch� talvolta vi debbono stare pi� ministri insieme. Si deve inoltre curare che i lettori dispongano sull’ambone di una illuminazione sufficiente per la lettura del testo e possano servirsi, secondo l’opportunit�, dei moderni mezzi tecnici perch� i fedeli li possano comodamente sentire.

B.������������� I LIBRI PER LA PROCLAMAZIONE DELLA PAROLA DI DIO NELLE CELEBRAZIONI

35. I libri, dai quali si desumono le letture della parola di Dio, devono, unitamente ai ministri, ai gesti rituali, ai luoghi e ad altri particolari suscitare negli ascoltatori il senso della presenza di Dio che parla al suo popolo. Si deve quindi procurare che anche i libri, essendo nell’azione liturgica segni e simboli di realt� superiori, siano davvero degni, decorosi e belli64.

36.������������� Poich� l’annunzio del Vangelo costituisce sempre l’apice della Liturgia della Parola, la tradizione liturgica sia orientale che occidentale ha sempre fatto una certa distinzione fra i libri delle letture. Il libro dei Vangeli veniva infatti preparato e ornato con la massima cura, ed era oggetto di venerazione pi� di ogni altro libro destinato alle letture. � quindi molto opportuno che anche attualmente nelle cattedrali e almeno nelle parrocchie e chiese pi� grandi e pi� frequentate ci sia un Evangeliario splendidamente ornato, distinto dall’altro libro delle letture. Non senza ragione lo stesso Evangeliario vien consegnato al diacono nella sua ordinazione, e nell’ordinazione episcopale viene posto e tenuto aperto sul capo dell’eletto65.

37.������������� Ai libri delle letture poi, predisposti per le celebrazioni, non si sostituiscano, per rispetto alla dignit� della parola di Dio, altri sussidi pastorali, per esempio foglietti destinati ai fedeli per preparare le letture o meditarle personalmente.

25

IGMR 33.

26

Cf LI 2; DC 10; ID 1.

27

SC 33.

28

Cf sotto, n. 111.

29

Messale Romano, Ordinamento dei canti della Messa, ed. tip. 1972, �Premesse�, nn. 4, 6, 10.

30

Cf IGMR 11.

31

Cf� IGMR 272.

32

Cf IGMR 35, 95.

33

Cf IGMR 82-84.

34

Cf IGMR 94, 131.

35

Cf �Rito della Messa con il popolo�, 11, in Messale Romano, cit., p. 388; ed. tip. it., cit., p. 303.

36

IGMR 36.

37

PAOLO VI Cost. ap. Laudis canticum, 1� nov. 1970; cf anche SC 24, 90; MS 39; IGLH 23, 109; RaF 53.

38

Cf sotto, nn. 89-90.

39

Cf IGMR 18, 39.

40

Cf IGMR 272 e sotto, n. 32 ss.

41

Cf IGMR 17a (2a ed.).

42

Cf anche IGMR 37-39; Messale Romano, Ordinamento dei canti della Messa, �Premesse�, nn. 7-9; Graduale Romano, 1974, �Premesse�, n. 7; Graduale simplex, 2a ed. tip. 1975, �Premesse�, n. 16.

43

SC 52; cf IOe 54.

44

Cf IGMR 42.

45

SC 35, 2.

46

Cf SC 6, 47.

47

Cf MF; AG 9; EN 43.

48

Cf SC 35, 2; IGMR 41.

49

SC 10.

50

CT 48.

51

Cf IGMR 165.

52

Cf IGMR 42; e anche EM 28.

53

Cf AcP 6g; PB 48.

54

Cf IGMR 42, 338; Rituale Romano, Sacramento del Matri­monio, tip. it. 1975, nn. 22, 42, 57; Rito delle esequie, ed. tip. it. 1974, nn. 41, 61.

55

Cf IGMR 97.

56

Cf IGMR 139.

57

Cf IGMR 23.

58

Cf IGMR 43.

59

Cf IGMR 45.

60

Cf IGMR 99.

61

Cf IGMR 47.

62

Cf sopra, nota 23.

63

Cf IGMR 272.

64

Cf SC 122.

65

Cf Pontificale Romano, Ordinazione del diacono, del presbitero e del vescovo, ed. tip. 1968, n. 24, p. 28; n. 25, p. 70; ed. tip. It. 1979, n. 189; n. 30.

Parte Prima

LA PAROLA DI DIO NELLA

CELEBRAZIONE DELLA MESSA

Capitolo II

LA CELEBRAZIONE
DELLA LITURGIA DELLA PAROLA
NELLA MESSA

1.������������� Elementi della Liturgia della Parola e riti rispettivi

11.������������� �La parte principale della Liturgia della Parola � costituita dalle letture desunte dalla sacra Scrittura, con i canti che le accompagnano; l’omelia, la professione di fede e la preghiera universale o dei fedeli la sviluppano e la concludono�25.

A.������������� LE LETTURE BIBLICHE

12.������������� Nella celebrazione della Messa le letture bibliche, con i canti desunti dalla sacra Scrittura, non si possono n� tralasciare, n� ridurre, n� — il che sarebbe cosa pi� grave — sostituire con letture non bibliche 26. Con la sua parola trasmessa per iscritto, �Dio parla ancora al suo popolo� 27, e con l’assiduo ricorso alla sacra Scrittura, il popolo di Dio, con la luce della fede reso docile all’azione dello Spirito Santo, potr� dare, con la sua vita, testimonianza a Cristo dinanzi al mondo.

13.������������� La lettura del Vangelo costituisce il culmine della stessa Liturgia della Parola; all’ascolto del Vangelo l’assemblea vien preparata dalle altre letture, proclamate nel loro ordine tradizionale, prima cio� quelle dell’Antico Testamento e poi quelle del Nuovo.

14.������������� Lo stesso modo con cui le letture vengono proclamate dai lettori – una proclamazione dignitosa, a voce alta e chiara – favorisce una buona trasmissione della parola di Dio all’assemblea. Le letture, desunte dalle edizioni approvate 28, si possono anche cantare secondo l’indole delle varie lingue, a condizione per� che il canto non soffochi le parole, ma le ponga anzi nel dovuto risalto. Nel caso che la proclamazione si faccia in lingua latina, ci si attenga alla modulazione indicata nell’�Ordo cantus Missae� 29.

15.������������� Nella Liturgia della Parola si possono premettere alle letture, e specialmente alla prima di esse, delle brevi e opportune monizioni. Si deve porre attenzione al genere letterario di queste monizioni: devono essere semplici, fedeli al testo, brevi, ben preparate e variamente intonate al testo a cui devono servire come introduzione 30.

16.������������� Nella celebrazione della Messa col popolo le letture si devono sempre proclamare dall’ambone 31.

17.������������� Tra i riti della Liturgia della Parola si deve tener presente la venerazione dovuta alla lettura del Vangelo 32. Dove � a disposizione l’Evangeliario, portato processionalmente dal diacono o dal lettore durante i riti iniziali 33, � molto opportuno che il diacono o, in sua mancanza, un presbitero, prenda l’Evangeliario stesso dall’altare 34, e preceduto dai ministranti con ceri e incenso o, se l’uso lo comporta, con altri segni di venerazione, lo porti all’ambone. I fedeli stanno in piedi, acclamano il Signore e fanno atto di venerazione al libro dei Vangeli. Il diacono che deve proclamare il Vangelo, inchinandosi dinanzi a colui che presiede la celebrazione, chiede e riceve la benedizione. Se non c’� il diacono, il presbitero s’inchina dinanzi all’altare e prega sottovoce, dicendo: �Purifica il mio cuore (Munda cor meum)�35.

All’ambone, colui che proclama il Vangelo saluta il popolo che ascolta in piedi, annunzia il titolo della lettura e si segna sulla fronte, sulla bocca e sul petto, quindi, se si usa l’incenso, incensa il libro, poi proclama il Vangelo. Al termine, bacia il libro, dicendo sottovoce le parole prescritte.

Il saluto, l’annunzio iniziale: �Dal Vangelo... (Lectio sancti Evangelii...)� e quello finale �Parola del Signore (Verbum Domini)� conviene proferirli in canto, in modo che l’assemblea possa a sua volta acclamare in canto, anche se il Vangelo viene soltanto letto. In questo modo si sottolinea l’importanza della lettura del Vangelo e si ravviva la fede dei presenti.

18.������������� Al termine delle letture, la conclusione �Parola di Dio (Parola del Signore)� pu� venir cantata anche da un cantore diverso dal lettore che ha proclamato la lettura; tutti i presenti acclamano. In questo modo l’assemblea riunita rende onore alla parola di Dio, ascoltata con fede e in spirito di rendimento di grazie.

B.������������� IL SALMO RESPONSORIALE

19.������������� Il salmo responsoriale, chiamato anche graduale, essendo �parte integrante della Liturgia della Parola� 36 ha grande importanza liturgica e pastorale. Si devono pertanto istruire con cura i fedeli sul modo di accogliere la parola che Dio rivolge loro nei salmi e di volgere i salmi stessi in preghiera della Chiesa. Senza dubbio questo �avverr� pi� facilmente se sar� promossa tra il clero ed estesa con opportuna catechesi a tutti i fedeli una pi� approfondita conoscenza dei salmi nel significato che assumono quando sono cantati nella liturgia�37.

Potranno recare un certo aiuto brevi monizioni che illustrino la scelta del salmo e del ritornello e la loro concordanza tematica con le letture.

20.������������� Il salmo responsoriale di norma si eseguisca in canto. Ci sono due modi di cantare il salmo dopo la prima lettura: il modo responsoriale e il modo diretto. Il modo responsoriale che � quello, sempre che sia possibile, da preferirsi, allorch� il salmista o il cantore del salmo ne pronunzia i versetti, e tutta l’assemblea partecipa col ritornello. Il modo diretto, allorch� il solo salmista o il solo cantore canta il salmo e l’assemblea si limita ad ascoltare, senza intervenire col ritornello; o anche allorch� il salmo vien cantato da tutti quanti insieme.

21. Il canto del salmo o anche del solo ritornello � un mezzo assai efficace per approfondire il senso spirituale del salmo stesso e favorirne la meditazione.

In ogni singola cultura si devono usare tutti quei mezzi che possano incoraggiare il canto dell’assemblea, ivi compreso, in modo particolare, l’uso delle facolt� previste a questo scopo nell’�Ordo lectionum Missae� 38 circa i ritornelli da usare nei vari tempi liturgici.

22. Se il salmo che ricorre dopo la lettura non viene cantato, lo si reciti nel modo ritenuto pi� adatto per la meditazione della parola di Dio 39.

Per il canto o la recita del salmo responsoriale il salmista o il cantore stanno all’ambone 40.

C.������������� L’ACCLAMAZIONE PRIMA DELLA LETTURA DEL VANGELO

23. Anche l’�alleluia� o, secondo il tempo liturgico, il versetto prima del Vangelo, costituisce �un rito o un atto a s� stante� 41, col quale l’assemblea dei fedeli accoglie e saluta il Signore che sta per rivolgere ad essa la sua parola, ed esprime col canto la sua fede. Al canto dell’�alleluia� e del versetto prima del Vangelo tutti devono stare in piedi, in modo che non il solo cantore o il coro che lo intona, ma tutto il popolo unisca nel canto le sue voci 42.

D.������������� L’OMELIA

24. Particolarmente raccomandata come parte della Liturgia della Parola 43, a partire specialmente dalla Costituzione liturgica del Concilio Vaticano II, anzi in alcuni casi espressamente

prescritta � l’omelia, con la quale nel corso dell’anno liturgico vengono esposti, in base al testo sacro, i misteri della fede e le norme della vita cristiana.

Tenuta, di norma, da colui che presiede 44 l’omelia nella celebrazione della Messa ha lo scopo di far s� che la proclamazione della parola di Dio diventi, insieme con la liturgia eucaristica, �quasi un annunzio delle mirabili opere di Dio nella storia della salvezza, ossia nel mistero di Cristo�45. Infatti il mistero pasquale di Cristo, che viene annunziato nelle letture e nell’omelia, viene attualizzato per mezzo del sacrificio della Messa 46. Sempre poi Cristo � presente e agisce nella predicazione della sua Chiesa 47.

Pertanto l’omelia, sia che spieghi la parola di Dio annunziata nella sacra Scrittura o un altro testo liturgico 48, deve guidare la comunit� dei fedeli a partecipare attivamente all’Eucaristia, perch� �esprimano nella vita ci� che hanno ricevuto mediante la fede�49. Con questa viva esposizione la proclamazione della parola di Dio e le celebrazioni della Chiesa possono ottenere una maggiore efficacia a patto che l’omelia sia davvero frutto di meditazione, ben preparata, non troppo lunga n� troppo breve, e che in essa ci si sappia rivolgere a tutti i presenti, compresi i fanciulli e la gente semplice 50.

Nella concelebrazione, l’omelia � tenuta di norma dal celebrante principale o da uno dei concelebranti 51.

25. Nei giorni prescritti, e cio� nelle domeniche e feste di precetto, anche nelle Messe vespertine del giorno precedente, l’omelia � obbligatoria: non la si pu� omettere se non per causa grave in tutte le Messe che si celebrano con concorso di popolo 52. Anche nelle Messe con i fanciulli e con gruppi particolari si deve tener l’omelia 53.

L’omelia � molto raccomandata nelle ferie di Avvento di Quaresima e del tempo pasquale per i fedeli che regolarmente partecipano alla celebrazione della Messa; cos� pure in altre feste e circostanze nelle quali il popolo accorre pi� numeroso alla chiesa 54.

26. Il sacerdote celebrante tiene l’omelia alla sede, in piedi o seduto, o anche all’ambone55.

27.������������� Dall’omelia si devono naturalmente tener distinti quegli eventuali brevi avvisi al popo�o, il cui posto � al termine dell’orazione dopo la comunione56.

E.������������� IL SILENZIO

28. La Liturgia della Parola si deve celebrare in modo che essa favorisca la meditazione; si deve perci� evitare assolutamente ogni fretta che sia di ostacolo al raccoglimento. Il dialogo tra Dio e gli uomini, sotto l’azione dello Spirito Santo, richiede brevi momenti di silenzio, adatti all’assemblea, durante i quali la parola di Dio penetri nei cuori e provochi in essi una risposta nella preghiera. Tali momenti di silenzio in relazione con la Liturgia della Parola si possono opportunamente osservare prima che essa abbia inizio, dopo la prima e la seconda lettura e al termine dell’omelia57.

F.������������� LA PROFESSIONE DI FEDE

29.������������� Il Simbolo o professione di fede, da dirsi secondo le rubriche, nella celebrazione della Messa ha lo scopo di suscitare nell’assemblea riunita una risposta di assenso alla parola di Dio ascoltata nelle letture e nell’omelia, e di richiamare alla mente la �regola della fede�, nella forma approvata dalla Chiesa, prima di dare inizio alla celebrazione del mistero della fede nell’Eucaristia58.

G.������������� LA PREGHIERA UNIVERSALE O PREGHIERA DEI FEDELI

30. Nella preghiera universale l’assemblea dei fedeli, alla luce della parola di Dio, alla quale in un certo modo risponde, prega di norma per le necessit� di tutta la Chiesa e della comunit� locale, per la salvezza di tutto il mondo, per coloro che si trovano in difficolt� di vario genere e per determinati gruppi di persone.

Sotto la guida dello stesso celebrante, il diacono o un ministro o anche alcuni fedeli propongono opportunamente all’assemblea brevi intenzioni, liberamente e accuratamente preparate, con le quali �il popolo, esercitando la sua funzione sacerdotale, prega per tutti gli uomini�59, in modo che, dopo aver portato in se stesso a maturazione i frutti della Liturgia della Parola, possa passare a una pi� degna celebrazione della liturgia eucaristica.

31. La preghiera universale vien diretta dal celebrante alla sede; le intenzioni sono proposte dall’ambone60.

L’assemblea, in piedi, partecipa alla preghiera dicendo o cantando, dopo le intenzioni, un’invocazione comune, o anche sostando in preghiera silenziosa61.

2.������������� Cose richieste per una degna celebrazione della Liturgia della Parola

A.������������� IL LUOGO PER LA PROCLAMAZIONE DELLA PAROLA DI DIO

32. Nell’ambiente della chiesa deve esserci un luogo elevato, stabile, ben curato e opportunamente decoroso, che risponda insieme alla dignit� della parola di Dio, suggerisca chiaramente ai fedeli che nella Messa vien preparata la mensa sia della parola di Dio che del Corpo di Cristo62, e infine sia adatto il meglio possibile a facilitare l’ascolto e l’attenzione dei fedeli durante la Liturgia della Parola. Si deve pertanto far s� che, secondo la struttura di ogni singola chiesa, l’ambone si armonizzi architettonicamente e spazialmente con l’altare.

33.������������� L’ambone, tenuta presente la sua struttura, venga sobria-mente ornato in modo stabile o in determinate occasioni, specialmente nei giorni solenni.

Poich� l’ambone � il luogo dal quale viene proclamata dai ministri la parola di Dio, deve essere riservato, per sua natura, alle letture, al salmo responsoriale e al preconio pasquale. Si possono tuttavia proferire dall’ambone l’omelia e la preghiera dei fedeli, data la strettissima relazione di queste parti con tutta la Liturgia della Parola. � invece meno opportuno che salgano all’ambone altre persone, per esempio il commentatore, il cantore o l’animatore del canto63

34. Perch� l’ambone possa servire in modo adeguato alle celebrazioni, abbia una certa ampiezza, giacch� talvolta vi debbono stare pi� ministri insieme. Si deve inoltre curare che i lettori dispongano sull’ambone di una illuminazione sufficiente per la lettura del testo e possano servirsi, secondo l’opportunit�, dei moderni mezzi tecnici perch� i fedeli li possano comodamente sentire.

B.������������� I LIBRI PER LA PROCLAMAZIONE DELLA PAROLA DI DIO NELLE CELEBRAZIONI

35. I libri, dai quali si desumono le letture della parola di Dio, devono, unitamente ai ministri, ai gesti rituali, ai luoghi e ad altri particolari suscitare negli ascoltatori il senso della presenza di Dio che parla al suo popolo. Si deve quindi procurare che anche i libri, essendo nell’azione liturgica segni e simboli di realt� superiori, siano davvero degni, decorosi e belli64.

36.������������� Poich� l’annunzio del Vangelo costituisce sempre l’apice della Liturgia della Parola, la tradizione liturgica sia orientale che occidentale ha sempre fatto una certa distinzione fra i libri delle letture. Il libro dei Vangeli veniva infatti preparato e ornato con la massima cura, ed era oggetto di venerazione pi� di ogni altro libro destinato alle letture. � quindi molto opportuno che anche attualmente nelle cattedrali e almeno nelle parrocchie e chiese pi� grandi e pi� frequentate ci sia un Evangeliario splendidamente ornato, distinto dall’altro libro delle letture. Non senza ragione lo stesso Evangeliario vien consegnato al diacono nella sua ordinazione, e nell’ordinazione episcopale viene posto e tenuto aperto sul capo dell’eletto65.

37.������������� Ai libri delle letture poi, predisposti per le celebrazioni, non si sostituiscano, per rispetto alla dignit� della parola di Dio, altri sussidi pastorali, per esempio foglietti destinati ai fedeli per preparare le letture o meditarle personalmente.

25

IGMR 33.

26

Cf LI 2; DC 10; ID 1.

27

SC 33.

28

Cf sotto, n. 111.

29

Messale Romano, Ordinamento dei canti della Messa, ed. tip. 1972, �Premesse�, nn. 4, 6, 10.

30

Cf IGMR 11.

31

Cf� IGMR 272.

32

Cf IGMR 35, 95.

33

Cf IGMR 82-84.

34

Cf IGMR 94, 131.

35

Cf �Rito della Messa con il popolo�, 11, in Messale Romano, cit., p. 388; ed. tip. it., cit., p. 303.

36

IGMR 36.

37

PAOLO VI Cost. ap. Laudis canticum, 1� nov. 1970; cf anche SC 24, 90; MS 39; IGLH 23, 109; RaF 53.

38

Cf sotto, nn. 89-90.

39

Cf IGMR 18, 39.

40

Cf IGMR 272 e sotto, n. 32 ss.

41

Cf IGMR 17a (2a ed.).

42

Cf anche IGMR 37-39; Messale Romano, Ordinamento dei canti della Messa, �Premesse�, nn. 7-9; Graduale Romano, 1974, �Premesse�, n. 7; Graduale simplex, 2a ed. tip. 1975, �Premesse�, n. 16.

43

SC 52; cf IOe 54.

44

Cf IGMR 42.

45

SC 35, 2.

46

Cf SC 6, 47.

47

Cf MF; AG 9; EN 43.

48

Cf SC 35, 2; IGMR 41.

49

SC 10.

50

CT 48.

51

Cf IGMR 165.

52

Cf IGMR 42; e anche EM 28.

53

Cf AcP 6g; PB 48.

54

Cf IGMR 42, 338; Rituale Romano, Sacramento del Matri­monio, tip. it. 1975, nn. 22, 42, 57; Rito delle esequie, ed. tip. it. 1974, nn. 41, 61.

55

Cf IGMR 97.

56

Cf IGMR 139.

57

Cf IGMR 23.

58

Cf IGMR 43.

59

Cf IGMR 45.

60

Cf IGMR 99.

61

Cf IGMR 47.

62

Cf sopra, nota 23.

63

Cf IGMR 272.

64

Cf SC 122.

65

Cf Pontificale Romano, Ordinazione del diacono, del presbitero e del vescovo, ed. tip. 1968, n. 24, p. 28; n. 25, p. 70; ed. tip. It. 1979, n. 189; n. 30.


[1]

[2]

[3]

[4]

[5]

[6]

[7]

[8]

[9]

[10]

[11]

[12]

[13]

[14]

[15]

[16]

[17]

[18]

[19]

[20]

[21]

[22]

[23]

[24]

Search more related documents:Ordinamento delle letture della messa

Set Home | Add to Favorites

All Rights Reserved Powered by Free Document Search and Download

Copyright © 2011
This site does not host pdf,doc,ppt,xls,rtf,txt files all document are the property of their respective owners. complaint#downhi.com
TOP